Assenze e Ritorni di Edda Valentini

3 Aprile 2019   /   di    / Categorie:  Ex Libris, Libri

Recensione del libro di Edda Valentini “Assenze e ritorni”

Assenze e ritorni, edito da Kanaga Edizioni, è la raccolta di racconti che l’autrice riminese Edda Valentini dedica a suo padre. Un libro che colpisce fin dalla prime pagine per la narrazione fluida e coinvolgente. Ma c’è molto di più. Quando si legge Assenze e ritorni si entra nel mondo di Edda, nei suoi colori, nel biondo dei capelli e nel suo sorriso sempre stampato in faccia.

La copertina è in bianco e nero, e raffigura la sagoma di una bimba sdraiata, in attesa dell’avvenire, pronta per esplorare con gioia quello che il destino le ha riservato. Il disegno è di Manuela Cenci. Con grande curiosità mi sono avventurata nella lettura, e sono stata presa per mano dalle parole che mi hanno portata a conoscere diversi personaggi, tutti così reali e ben descritti, nessuno escluso.

I testi che mi hanno colpito di più sono “Nostalgia 1” e “Nostalgia 2”, in cui troviamo un uomo con una grande passione per il proprio lavoro, anche se non è più suo, ma che torna ad affacciarsi all’amore di cui non riesce proprio fare a meno: la cucina. Un racconto che rispecchia appieno la filosofia dell’autrice e che lascia la dolcezza in bocca, nonostante l’amarezza. Ma le storie sono tutte belle e ben scritte. Si incontra per esempio Aziz, in “Raccolta differenziata”, racconto in cui si avverte grande rispetto per una cultura differente dalla nostra, affascinante e nemmeno tanto lontana. Poi si lascia Rimini e si va a Milano per incontrare Maria e Dario, per poi veder ballare Perla un tango di sofferenza e distruzione, e si viaggia nel tempo, nel 1976 con “La banda dei poker”. Si scopre chi attende e chi ritorna, chi coglie e chi rifiuta in un ritmo narrativo incalzante e piacevole, in cui però la vera protagonista è Edda, con i suoi  sani principi  e l’amore per il mondo che le circonda.

Il seno forte faceva da cuscino al piccolo Yasir, che dormiva cullato da un mare amico come una promessa di quiete alla quale abbandonarsi. Intorno, centinaia di occhi scuri indagavano l’orizzonte. L’infinito sembrava non finire più.

Le storie sono tredici, in totale quindici, perché Edda ha voluto ospitare la sua amica di penna Catia Chiavarini con due testi, e hanno tutte le capacità di trasmettere immagini e sensazioni, adatte anche a cortometraggi, perché la narrazione possiede una forte vena cinematografica.

Assenze e ritorni è una boccata d’ossigeno ed una vera speranza perché si ha la certezza che è possibile coniugare la buona scrittura con un prodotto editoriale valido. Si ha l’impressione di stare su un autobus, di osservare tanti visi sconosciuti e di far parte di loro, di viaggiare guardando fuori dal finestrino, sentire l’odore della salsedine del mare Adriatico e di terre lontane. Tutto in totale armonia, con le emozioni che sfiorano al di là del tangibile, per cogliere ogni tipo di sentimento che emerge dal vissuto quotidiano.

L’autrice Edda Valentini

Assenze e ritorni, edito da Kanaga Edizioni (2019), è scritto dall’autrice Edda Valentini, nata a Rimini, dove ha sempre vissuto. Insegna, fin da giovanissima, nelle scuole comunali per l’infanzia e si diletta come attrice di teatro.  Dopo il congedo fonda con Vania Arcangeli, l’agenzia “DOC” che si occupa di organizzazione e casting per case di produzione di cinema, televisione, pubblicità. Ha lavorato, tra altri, con: G.Bertolucci, R.Benigni, E.Olmi, G.Tornatore, C.Mazzacurati. In seguito alla formazione biennale come sceneggiatrice, vince diversi concorsi con sceneggiature e soggetti per corti e lungometraggi. Frequenta il laboratorio di SCRITTURA DEL MISTERO condotto da: C.Lucarelli, A. Cotti, G.Nerozzi, G.Rigosi, dal quale nasce il suo primo racconto La banda del poker. Continua a dedicarsi alla scrittura di racconti brevi, spesso tratti dalle sue sceneggiature e per i quali ottiene diversi riconoscimenti.

Assenze e ritorni è disponibile in libreria e sul sito: kanagaedizioni.com/negozio/assenze-e-ritorni

Vedi anche la video intervista

Maggie Van Der Toorn

  • Follow us:
Ex Libris Rubrica