“Il Primo inganno” il thriller di Riccardo Landini, l’avvocato con la passione per la scrittura

14 Gennaio 2019   /   di    / Categorie:  Libri

Recensione del libro di Riccardo Landini “Il primo inganno”

Ho appena finito di leggere, anzi di divorare una copia autografata del gustoso  libro IL PRIMO INGANNO scritto dal collega Riccardo Landini, emiliano mezzosangue (romagnolo da parte di madre). Ironia della sorte: ho letto il thriller a un passo dai luoghi in cui è ambientato per una emergenza familiare-sanitaria sentendomi dunque più sul pezzo.

Il primo inganno, pubblicato nel 2016,  è solo il primo capitolo di una trilogia (per ora,  con NON SI INGANNANO I MORTI e INGANNANDO SI IMPARA) destinata a divenire presto tetralogia e forse serie innumerevole, firmata con sagacia da Riccardo Landini, avvocato di Reggio Emilia,  un po’ personaggio, che si divide tra professione e passione per la scrittura non disdegnando musica e cinema.

Pluripremiato (Nebbiagialla,  Thriller Café,  Giallo & Noir, Giallo Stresa), bravo consapevole,  convinto e convincente,  sicuramente farà parlare di sé nel mondo della letteratura italiana di genere perché dal 2009 scrive e pubblica gialli e noir di qualità,  romanzi e racconti che siano, con mano esperta e  affinata da inclinazione innata e letture bulimiche.

La storia narrata è quella di Brenno Sandrelli, antieroe per eccellenza, poco figo, molto sfigato. Geometra,  perito assicurativo, afflitto da problemi economici e coniugali e incallito onicofago,  Sandrelli si trova impelagato  non in una ma in ben due sordide  storie solo per aver voluto rimediare qualche centone in più. Investigatore privato da strapazzo, privo di mezzi e di autorizzazioni, Brenno si trova ad indagare su una storia di corna coniugali che infine apparirà molto meno astratta, strana e  distante di quanto sembri all’inizio. Ma il nostro, che di improbabile non ha solo il nome desueto, intanto si imbatte in una sudicia storia di disgustosi delitti a catena, sfruttamento di minori, tratta di donne, complicità, corruzione, sviluppi imprevedibili ed eccessivi (la realtà supera sempre la fantasia o la fantasia supera la realtà ?),  droga, sesso malato e chi più ne ha più ne metta.

A termine delle violente vicende metropolitane della degradata società di oggi, i colpi di scena finali che non mancano e che anzi paiono come i fuochi d’artificio di una festa di paese che si rincorrono a ripetizione e pare non vogliano cessare, c’è un gioco al rialzo delle responsabilità, in cui troppo spesso il controllore è più marcio del controllato.

Molti i personaggi, spesso brutti e cattivi, truculenti,  marci,  volgari, ben delineati come protagonista, profilo tagliato su misura sull’idea di un detective da strapazzo, più arguto, segugio e attaccato alla presa delle autorità costituita; stazzonato maltrattato, insonne, stanco, solo, confuso eppure lucido, acuto, perspicace, determinato,  sano dentro, Brenno Sandrelli in fondo ci piace.

Il primo inganno: pagina con dedica

Il libro che un po’ giallo, un po’ noir un po’ hard  boiled ed è ben scritto, anche se talvolta appare un po’ retorico e prolisso, da un autore  che conosce le proprie capacità narrative e se ne compiace fino a crogiolarsi nelle sue stesse parole.

E questo risulta all’attento lettore che nella prosa curata, corretta, ironica e misurata, fluente e piacevole, legge pagine e autore.

Dunque bene  Brenno, benissimo Riccardo!

Ritorneremo tutti sui luoghi dell’inganno  insieme a voi!

 

Giuditta Di Cristinzi

 

IL PRIMO INGANNO,   Riccardo Landini, Edizioni CentoAutori,  collana L’ARCOBALENO,  diretta da Carmine Treanni, Avellino,  aprile 2016,  codice ISBN 978 88 687 205 75

  • Follow us:
Ex Libris Rubrica